sul retro

W LA LOTTA DEL PROLETARIATO FRANCESE

Comitato genovese di solidarietà

Genova, maggio-giugno 1968

Operai!

Lo sciopero generalizzato degli operai francesi ha messo in crisi per la sua estensione e radicalità l’intero potere capitalista in Francia. Gli operai hanno abbandonato le forme usuali di lotta e hanno scelto l’occupazione delle fabbriche come generale strumento di lotta, opponendo alla violenza del capitale la propria forza sociale. Hanno abbandonato le forme di lotta settoriali ed articolate che le direzioni opportuniste dei sindacati hanno sempre portato avanti: in questo modo il movimento si è esteso a dieci milioni di proletari e si è centrato su obiettivi fondamentali di lotta allo sfruttamento:

1) Aumento del salario minimo a 1000 franchi (125.000 lire).

2) Riduzione dell’orario di lavoro settimanale da 46 a 40 ore.

Il capitale e lo stato francese sono stati appoggiati dalla forza politica e finanziaria del capitale internazionale, dai partiti opportunisti, dalle direzioni sindacali, che colla loro azione hanno soffocato e disperso la lotta e salvato il sistema capitalistico.

La risposta alla lotta del proletariato è stata estremamente violenta, nelle strade di Parigi la violenza poliziesca ha decimato le file degli operai e degli studenti rivoluzionari che erano scesi in lotta accanto a loro; le cifre sui morti ed i feriti sono state nascoste e falsate dagli organi di informazione, ma nessuno può negare che il sangue è stato sparso sulle barricate di Parigi, delle altre città francesi e davanti alle fabbriche rimaste in mano agli operai che continuavano in tutte le assemblee a rifiutare duramente le concilianti proposte degli opportunisti che dirigono i sindacati.

La democrazia borghese ha poi gettato la maschera ed ha aggiunto alla violenza sistematica contro il proletariato la messa al bando di quei raggruppamenti politici di avanguardia che rifiutano il riformismo e la pace sociale.

L’opposizione antiparlamentare francese è stata così colpita, ma non in modo mortale se tutte le forze rivoluzionarie in Francia e fuori sapranno rispondere a questo attacco; così come il proletariato francese non è stato sconfitto, ma ha aperto una più alta fase di lotta per tutta l’Europa.

SOLIDARIZZIAMO COL PROLETARIATO E CON I RIVOLUZIONARI FRANCESI

PARTECIPIAMO ALLA MANIFESTAZIONE CHE SARÀ TENUTA DOMENICA 7 ALLE ORE 10 IN VIA BALBI N° 6

SARANNO PRESENTI ESPONENTI DEI RAGGRUPPAMENTI RIVOLUZIONARI FRANCESI